Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

REFERENDUM ABROGATIVI 2022

Con i decreti del Presidente della Repubblica del 06/04/2022, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del 07/04/2022, è stata fissata al 12 giugno 2022 la data dei referendum abrogativi ex art. 75 della Costituzione.

Si informa che, come in precedenti occasioni, non è previsto lo svolgimento a Cuba delle operazioni di voto per corrispondenza. In base a quanto previsto dalla Legge 459/2001 e dal DPR 104/2003, gli elettori iscritti AIRE a Cuba che si recheranno in Italia presso il rispettivo Comune di appartenenza per esercitare il proprio diritto di voto, hanno diritto al rimborso del 75% del costo del biglietto di viaggio aereo riferito alla classe turistica (economy).

I requisiti di base per avere diritto al rimborso sono, dunque, unicamente l’avvenuto e comprovato esercizio del diritto di voto in Italia e la residenza (intesa come iscrizione AIRE) a Cuba.

Il rimborso del 75% del biglietto aereo può essere applicato alle tariffe in classe economica praticate da tutte le compagnie aeree, senza distinzione di vettore. La tratta di viaggio ammessa al rimborso è quella da un aeroporto a Cuba ad un aeroporto in Italia, e ritorno, allorché per tratte interne successive gli elettori potranno eventualmente avvalersi di condizioni agevolate, quali vengono generalmente concesse in occasione di consultazioni elettorali. Tali agevolazioni consistono in tariffe praticate dalle reti nazionali di trasporto (ad esempio le FS) ed esulano pertanto dalla pratica di rimborso da presentare all’Ambasciata. È evidente che, laddove non siano disponibili posti sui voli diretti tra Cuba e l’Italia, sono consentite soste, purché la durata delle stesse non incida sul costo del biglietto.

Si rammenta che i biglietti ammessi al rimborso devono avere una validità quanto più possibile ravvicinata all’evento elettorale dal quale si origina il diritto al rimborso in questione.

La documentazione giustificativa della spesa a corredo dell’istanza dell’interessato potrà essere presentata all’Ambasciata una volta rientrati a Cuba. Tale documentazione sarà costituita dal biglietto aereo nel formato integrale dal quale si evinca il costo del biglietto e la tariffa applicata, dalle carte d’imbarco e dall’esibizione del certificato o tessera elettorale con il timbro del seggio elettorale italiano, di cui l’Ambasciata conserverà copia. Qualora dal predetto biglietto di viaggio non si deduca l’importo effettivamente pagato, questo dovrà essere dimostrato da apposita fattura rilasciata dalla Compagnia aerea e/o dall’Agenzia di viaggio riportante i dati dell’avvenuto pagamento.

Prima della partenza e prima del voto, non è richiesto nessun altro tipo di adempimento presso l’Ambasciata.