Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

EMERGENZA COVID-19: NUOVE MISURE ANNUNCIATE DAL GOVERNO CUBANO – AGGIORNAMENTO DEL 24 MARZO

DIFFUSIONE COVID-19 A CUBA
Secondo il bollettino del Ministero della Salute Pubblica di Cuba, i casi di contagio attualmente confermati sono saliti a 40, mentre i casi sospetti in isolamento sono saliti a 1036.
Per informazioni generali e aggiornamenti sull’evoluzione dell’epidemia a Cuba, si rinvia al sito del Ministerio de Salud Pública: https://salud.msp.gob.cu/

MISURE ANNUNCIATE DAL GOVERNO CUBANO NEL CORSO DEL PROGRAMMA TELEVISIVO “MESA REDONDA” DEI GIORNI 20 E 23 MARZO SCORSI
• le frontiere del Paese sono aperte in entrata per gli italiani residenti a Cuba;
• gli italiani in ingesso a Cuba saranno sottoporsi a un periodo di isolamento in appositi centri, allestiti in tutte le Province;
• è fatto divieto a familiari e amici di andare ad accogliere i viaggiatori in aeroporto;
• l’uscita da Cuba è garantita a tutti i turisti italiani, compatibilmente con la disponibilità dei collegamenti aerei;
• i turisti italiani attualmente presenti a Cuba non potranno lasciare gli hotel, le case private e le stanze in affitto dove sono alloggiati. Laddove nelle attuali strutture non sia garantito il rispetto delle misure di prevenzione e contenimento del virus, nei prossimi giorni le Autorità cubane gestiranno direttamente il loro graduale trasferimento presso determinati hotel, ove potranno essere attuate più efficacemente le misure di prevenzione epidemiologica;
• sono sospesi i trasporti pubblici tra Province all’interno del paese (autobus, treni, voli interni);
• le attività di scuole e le Università (con l’eccezione degli asili-nido) sono sospese per un mese;
• è obbligatorio il distanziamento sociale, in particolare all’interno di supermercati, bar e ristoranti, che rimangono aperti solo a condizione di poter garantire la distanza di sicurezza di almeno un metro tra i clienti.

SOSPENSIONE DEL SERVIZIO VISTI D’INGRESSO
In applicazione delle misure adottate nei giorni scorsi dai Governi italiano e cubano, nonché dall’Unione Europea, devono essere limitati al minimo indispensabile tutti gli spostamenti. I viaggi non essenziali verso l’Europa sono sospesi. In osservanza di tali disposizioni, anche la ricezione delle domande di visto d’ingresso in Italia e nell’Area Schengen è sospesa fino al 24 aprile -o ad altra data che verrà determinata nel prossimo futuro- con l’eccezione dei viaggi per motivi imperativi.

SERVIZI CONSOLARI
Nell’ambito delle misure emergenziali volte a contrastare il diffondersi del COVID-19, fino a nuova comunicazione, sono adottate le seguenti misure per la ricezione del pubblico:
• i servizi consolari sono limitati solo ed esclusivamente a questioni che rivestano carattere di urgenza e ai servizi pubblici essenziali. Pertanto, si raccomanda ai connazionali di non recarsi di persona presso gli Uffici dell’Ambasciata al di fuori di tali casistiche;
• tutti gli utenti che richiedono servizi all’Ambasciata sono invitati a mantenere una distanza di almeno un metro dalle altre persone nella fila esterna per accedere agli Uffici. È pertanto vietato l’assembramento di persone davanti all’ingresso dell’Ambasciata;
• l’accesso all’area di attesa all’interno del perimetro dell’Ambasciata e agli sportelli è consentito solo in maniera controllata e limitata a un massimo di dieci persone per volta.

VOLI PER L’ITALIA
I residenti in Italia che devono rientrare nel nostro Paese trovano informazioni aggiornate sui collegamenti aerei attivi al seguente indirizzo: https://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/coronavirus-da-alitalia-e-neos-voli-speciali-per-il-rientro-dei-connazionali.html
Per problematiche legate ai rientri con scalo aeroportuale in Paesi diversi da Cuba e dall’Italia, si raccomanda ai connazionali di far riferimento ai siti internet delle Ambasciate/Consolati attivi in quei Paesi.

RIENTRO IN ITALIA E AUTOISOLAMENTO OBBLIGATORIO
Per poter raggiungere il proprio luogo di residenza, i cittadini italiani in rientro da Cuba devono compilare il modulo di autocertificazione disponibile al seguente indirizzo:
https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/modulo-autodichiarazione-17.3.2020.pdf
Una volta rientrati presso il proprio luogo di residenza, i cittadini italiani saranno sottoposti all’obbligo di autoisolamento per i 14 giorni successivi al ritorno, anche se asintomatici rispetto al COVID-19. Per maggiori informazioni si rinvia al seguente indirizzo: http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/coronavirus/coronavirus-de-micheli-firma-decreto-su-autoisolamento-chi-rientra

PREVENZIONE
In generale, si raccomanda ai connazionali di adottare tutti comportamenti individuali e le misure di condotta sociale che possono contrastare efficacemente il contagio. Al riguardo, si rinvia alla scrupolosa osservanza delle misure di prevenzione esposte ai seguenti indirizzi:
http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa
http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228#6
Infine, Si raccomanda ai connazionali di riportare tempestivamente alle Autorità sanitarie cubane competenti eventuali malesseri (quali, ad esempio, febbre, mal di gola, tosse, difficoltà di respirazione).